Stigmate / Vragë

 
Stigmate / Vragë
Autore: Gëzim Hajdari
Collana: Nadir 50
Categoria: Letteratura migrante/poesia
Pagine: 124
ISBN:978-88-497-1044-1
Data di pubblicazione: marzo 2016
€ 13,00


Stigmate / Vragë è una raccolta poetica che mette in evidenza tutte quelle componenti che sono valse a collocare di diritto la produzione di Gëzim Hajdari nel solco della cosiddetta “poesia dell’esilio”, un filone che ha dato origine – soprattutto in epoca moderna – a straordinarie figure e metafore della condizione umana.
A dare forza a questi versi c’è lo sradicamento da ogni tradizione, una rabbia politica che non conosce compromessi e il ricordo di una patria che si vorrebbe ma non si può dimenticare. 

 

Gëzim Hajdari è il massimo poeta albanese vivente e uno dei maggiori poeti contemporanei. È nato in una famiglia di ex proprietari terrieri, i cui beni sono stati confiscati durante la dittatura comunista di Enver Hoxha. Ha studiato all’Università di Elbasan e alla Sapienza di Roma. Nell’inverno del 1991, Hajdari è tra i fondatori del Partito Democratico e del Partito Repubblicano della città di Lushnje, partiti d’opposizione. È inoltre cofondatore del settimanale di opposizione “Ora e Fjalës”.

Nel corso della sua intensa attività di esponente politico e di giornalista d’opposizione in Albania, ha denunciato pubblicamente e ripetutamente i crimini, gli abusi e le speculazioni della vecchia nomenclatura comunista di Enver Hoxha e dei recenti regimi corrotti post-comunisti.
È stato invitato a presentare la sua opera in vari paesi del mondo ma non in Albania, dove viene volutamente ignorato dalla cultura di potere.
Bilingue, scrive in albanese e in italiano. Ha scritto anche libri di viaggio e saggi, e tradotto in albanese e in italiano vari autori. È vincitore di numerosi premi letterari e presidente del Centro Internazionale Eugenio Montale.
Fra le opere dell’autore, per le edizioni Besa-Controluce sono usciti Maldiluna (2005), Spine nere (2005), Muzungu: diario in nero (2006), Stigmate (2006), Peligòrga (2007), Corpo presente (2011), I canti dei nizam (2012), Evviva il canto del gallo nel villaggio comunista (2013), Poesie scelte (2014). Dal 1992 Hajdari è esule in Italia. Le sue opere sono tradotte in varie lingue.

 

leggi un assaggio del libro

 

 






Il tuo carrello

VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Chi è online?

 125 visitatori online
  
home search