Le Troiane (Troadi)

 
Le Troiane (Troadi)
Autore: Euripide
Collana: Passage 88
Categoria: Letteratura greca/teatro
Pagine: 112
ISBN:978-88-6280-169-0
€ 12,00


Tragedia più un dramma satiresco, Le troiane appartiene al notevole patrimonio della produzione drammatica di Euripide giunto fino a noi. La condizione dei vinti è qui rappresentata da un autore che appartiene al popolo dei vincitori, in una lezione di civiltà da cui traspare che nessuna guerra è giusta e tutte sono invece portatrici di sofferenza.

Ciascuna delle figure femminili presenti nell’opera ha un significato allegorico: Ecuba è la regalità degradata, Cassandra la sacralità violata, Elena la perversione della bellezza, Andromaca la maternità umiliata, mentre il coro delle ragazze simboleggia la folla delle vittime anonime di ogni tempo.

Loro, le donne, si scontrano con i pochi personaggi maschili qui presenti: l’ambiguo Menelao in bilico fra il rifiuto della traditrice Elena e il cedimento alla sua seduzione; il guerriero Taltibio, spaventato dal furore di Cassandra e pietoso davanti ad Andromaca, cui annuncia il sacrificio di Astianatte; Poseidone convinto da Atena ad assecondarla nella vendetta contro i Greci.

 

Il mondo di Euripide non ha niente in comune con l’ideologia che ispira le azioni colonizzatrici, volte a difendere contro ogni logica e regola internazionale la ricchezza e il potere di uno Stato. In questo senso il suo messaggio, insieme a quello di Tucidide, rivela la sua attualità, tanto più scottante ed evidente per il fatto che le vittime indicate della guerra sono in primo piano le donne, notoriamente subalterne nell’ordine sociale difeso dall’ideologia imperialista.

(dall’Introduzione di Agostino Masaracchia)

 






Il tuo carrello

VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Chi è online?

 33 visitatori online
  
home search