Il dottore sul Nilo

 
Il dottore sul Nilo
Autore: Leila Aboulela
Collana: Sui confini delle differenze 2
Categoria:Letteratura straniera
Pagine:180
ISBN:978-88-497-0976-6
€ 16,00


Edizione con testi originali a fronte

 

Donne alienate, in crisi in una Londra solitaria e in una gelida Aberdeen, sono le donne dei racconti di Leila Aboulela, donne africane che con distacco radicalizzano lo stato di ibernazione delle loro tristi e sterili esistenze fuori dal Sudan. Le lenti di un passato nostalgico rivendicano e decostruiscono radici arabe distorte da rappresentazioni orientaliste. Le protagoniste di Luci colorate, de Il museo e Lo Struzzo, i racconti qui proposti nelle loro prime versioni italiane, sono donne arabe, musulmane, africane e immigrate, donne autentiche e conflittuali. Contrapposte alle figure femminili che popolano la narrativa contemporanea collocabile nell’ambito della scrittura arabo-anglofona, le donne abouleliane mettono a fuoco nella loro problematicità esperienze di spostamento e transizione, seppur nella critica consapevolezza della loro scomoda condizione di donne immigrate e africane. Sumra de Lo Struzzo, Shadia de Il museo e l’anonima donna araba di Luci colorate non si assimilano, piuttosto, danno voce al mondo afro-arabo con gli occhi dell’Altro e smantellano i cliché sull’Africa trasmessi da personaggi britannici come il dottor McCulloch de Il dottore sul Nilo.

 

Di madre egiziana e di padre sudanese, Leila Aboulela nasce a Il Cairo nel 1964 ma si forma e studia a Khartoum, nel Sudan, dove si laurea. Nel 1985 consegue un Master in Statistica presso la London School of Economics. Rimane in Gran Bretagna, dove lavora come assistente di ricerca presso l’Università di Aberdeen e dove incomincia a dedicarsi alla scrittura. Attualmente vive ad Aberdeen con la famiglia.

Tra le voci arabo-anglofone più discusse e acclamate nei circuiti letterari contemporanei occidentali, Leila Aboulela è autrice di The Translator (1999), Minaret (2005) e Lyrics Alley (2010), e tra le sue short stories pubblicate nella celebre raccolta Coloured Lights (2001), The Museum ha vinto il Caine Prize for African Writing nel 2000. Le sue opere sono trasmesse in radiofonia dalla BBC e, tra le principali, si ricordano, The Mystic Life (2003) e The Lion of Chechnya (2005). La scrittrice sudanese è al momento impegnata nella stesura del suo nuovo romanzo The kindness of enemies.

 

Alessandra Rizzo (Ph.D. in Translation and Comparative Literature, University of Essex) è ricercatrice di Lingua e traduzione inglese all’Università di Palermo. È autrice di Arnold Bennett, David Herbert Lawrence and Giovanni Verga (Aracne, 2012) e di English across Disciplines (Aracne, 2007). Ha inoltre prodotto numerosi articoli sull’uso dell’inglese in Sicilia come Lingua Franca (ELF) tra le minoranze anglofone di origine asiatica e africana, ma anche sulle connessioni tra colonialismo/(post)-colonialismo e scrittura di viaggio e sul dialogo tra letteratura postcoloniale e pratica della traduzione culturale come forma di resistenza ideologica e politica. I suoi interessi di ricerca si concentrano al momento sullo studio della funzione della lingua inglese nelle numerose tipologie testuali – mediatiche, politiche e accademiche – e sul ruolo della traduzione nella scrittura arabo-anglofona. Ha tradotto articoli di Margaret Drabble, Elaine Showalter e Marina Warner. È membro del comitato esecutivo dell’associazione indiana WASLE (World Association for Studies in Literatures in English, New Delhi).

 






Il tuo carrello

VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Chi è online?

 107 visitatori online
  
home search