Tarantismo e neotarantismo

 
Tarantismo e neotarantismo
Autore: AA.VV.
Collana: Riflessi 59
Categoria: Saggistica/antropologia/tarantismo
Pagine: 120
ISBN: 978-88-3629-020-8
Data di pubblicazione: maggio 2020
€ 14,00


Quando si parla di neotarantismo, si fa riferimento a un fenomeno che esprime il bisogno di musica “altra”, il ritorno alla musica popolare nella sua funzione catartica, da fruire però al di là dei tradizionali connotati storici legati alla sofferenza e alla vergogna. Movimento che coinvolge ampie fasce di giovani e meno giovani, il neotarantismo nasce dal bisogno – comune a ogni epoca – di liberarsi dagli affanni quotidiani e dal senso di oppressione ricorrendo allo straordinario potere della musica e della danza. Una risposta dal basso contro la globalizzazione, il livellamento culturale e il tentativo di cancellare le diversità attuato dai mass media. Una risposta che fa emergere la voglia di nuovi rapporti comunicativi e relazionali, e che vede i concerti di pizzica e di musica popolare in genere trasformarsi in grandi e sfrenate occasioni di danza collettiva.

 

All'interno del volume contributi di Georges Lapassade, Eugenio Bennato, Sandro Portelli, Antonello Ricci, Giorgio Di Lecce, Roberto De Angelis, Anna Nacci, Vincenzo Santoro e Piero Fumarola.

 






Il tuo carrello

VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Chi è online?

 15 visitatori online
  
home search