Il cielo di Bagdad

 
Il cielo di Bagdad
Autore: Tomás de Mattos
Collana: Passage 63
Categoria: letteratura sudamericana
Pagine: 124
ISBN 978-88-628-0118-8
€ 13,00


Franklin Bermúdez è stato cacciato di casa dalla moglie e si dà da fare per arrotondare il suo magro stipendio da insegnante. Importa fuochi d’artificio di contrabbando dal Brasile e lavora come custode in una casa di appuntamenti. Ma nessuna di queste due strade può essere perseguita a lungo. I fuochi d’artificio vengono sequestrati al confine e Bermúdez arrestato per attentato, mentre la maitresse della casa chiusa lo mette in guardia rispetto alla scena criminosa che fa da sottofondo al posto. Franklin, costretto a rifugiarsi nella rimessa della casa della sorella, in compagnia solo del suo fido cane Saddam, riflette sulla sua condizione, che è forse quella di tutta l’umanità: le regole a cui sottostà il mondo non sono quelle a cui siamo stati educati. Tutta la riflessione di Franklin parte dall’inquietante constatazione che il cielo di Tacuarembó nel giorno di Capodanno somiglia terribilmente a quello di Bagdad sotto i bombardamenti: fuochi d’artificio da una parte, bombe mortali dall’altra. 

Tomás de Mattos, nato a Montevideo nel 1947, vive a Tacuarembó, una piccola città uruguaiana a ridosso del confine con il Brasile, dove lavora come avvocato. Dopo aver pubblicato tre raccolte di racconti (Libros y perros, 1975; Trampas de barro, 1983; La gran sequía, 1984), si è cimentato con il romanzo in ¡Bernabé, Bernabé!, del 1988 e La fragata de las máscaras del 1996, entrambi salutati da notevole successo di critica e di pubblico. Nel 2001 è uscito il libro Ni Dios permita – Cielo de Bagdad, composto da due narrazioni di media lunghezza. Nel 2002 ha pubblicato il corposo romanzo El Dios de la Misericordia, che ha suscitato grandi consensi in Uruguay. 







Il tuo carrello

VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Chi è online?

 40 visitatori online
  
home search